EVENTI
  by  Published: venerdì 17 agosto 2018 12:23:40

Isola del libro, a Passignano inaugura la mostra di Giuliano Giuman

Nell’ambito della sesta edizione della manifestazione letteraria ideata da Italo Marri. Le opere in esposizione alla rocca medievale. Taglio del nastro sabato 18 agosto alle 18

  • Giuliano Giuman
  • Nella copertina della brochure l'opera 'Lacustre' di Giuman
(AVInews) – Passignano sul Trasimeno, 17 ago. – Si chiama Isola del libro Trasimeno ma ormai non sono solo i libri e la scrittura a esserne protagonisti. Da quando la rassegna letteraria ideata da Italo Marri ha trovato ospitalità a Passignano sul Trasimeno, infatti, l’offerta culturale si è allargata arrivando a comprendere intrattenimenti musicali ed esposizioni d’arte. In questa sesta edizione, per esempio, dopo la mostra fotografica di Sandro Vannini e quella delle opere di Michaela Chiodini, nella Rocca medievale del borgo sta per essere inaugurata la mostra ‘Lacustre’ del maestro Giuliano Giuman. Il taglio del nastro è previsto per sabato 18 agosto alle 18 e l’esposizione rimarrà allestita fino al 23 settembre.

Il commento di Anton Carlo Ponti. Due le opere che saranno visibili al pubblico: ‘Lacustre’, che dà anche il titolo all’evento, e una scultura in legno. “Trovo molte affinità tra la pittura-scultura di Giuliano e il libro, come fra la sua pittura e la musica, antico suo amore mai spento – commenta Anton Carlo Ponti, direttore artistico dell’Isola del libro Trasimeno –. Un lungo viaggio, questo di Giuliano Giuman, una camminata nella storia e nella bellezza, inossidabile come i vetri variopinti e contorti, addomesticati e plasmati come fildiferro o elastici di gomma, dove il colore colato e poi indurito si fa arcobaleno e prisma sprizzante messaggi di luce. Sposando telo e vetro in audace e armoniosa ibridazione”.

Il maestro. Giuliano Giuman nasce a Perugia nel 1944. La sua formazione è musicale, ma inizia a dipingere nel 1964 seguendo gli insegnamenti del maestro futurista Gerardo Dottori. Dal 1972 lavora per 10 anni sul tema dell’ombra. Oltre alla pittura, per la sua ricerca utilizza altre espressioni quali la fotografia, la musica, l’installazione e la performance. Comincia nel 1982 a concentrare il suo lavoro sul rapporto tra pittura e musica. Nel 1985 inizia a lavorare anche su vetro che diventerà il supporto principale di caratterizzazione tecnica della sua arte. Ha tenuto oltre 100 mostre personali e 200 collettive in musei, gallerie e spazi pubblici, in Italia e all’estero.

Nicola Torrini


ARTICOLI CORRELATI
CULTURA
Voglia di rinascita: ne hanno parlato con l’assessore Roberto Morroni, sindaci, associazioni e operatori turistici del territorio
08/05/2020 - Perugia
CULTURA
Sabato 14 marzo, al teatro ‘Giuseppe Mengoni’ finale del concorso per nati tra 2006 e 2009 - Riservato a residenti o frequentanti scuole di Magione,...
03/03/2020 - Perugia
CULTURA
Iniziativa dei Lions club e Leo club con i giovani della secondaria di primo grado - L’esperta Stefania Palomba ha parlato loro di pedofilia e cyberbullismo
26/02/2020 - Deruta
ULTIME NEWS
TUTTE LE NEWS
SOCIETÀ
 Nella regione sono ogni giorno 20mila le persone...
09/07/2020 - Perugia
SPORT
Guadagnano la finale all’Argentario anche Allegretti,...
08/07/2020 - Perugia
SOCIETÀ
Attivi dal 6 luglio al 14 agosto nei 45 ettari del ...
08/07/2020 - Perugia
ULTIMI VIDEO
TUTTI I VIDEO
ico video
[FOCUS AZIENDE] In linea con le normative e le indicazioni del governo volte a tutelare la salute pubblica, anche la...
07/07/2020 - perugia
ico video
Una bella pagina di cooperazione, solidarietà e amore per il territorio. L'hanno scritta le aziende Centumbrie,...
07/07/2020 - Agello