ECONOMIA
  by Rossana Furfaro Published: giovedì 19 marzo 2020 10:58:46

Aliveris, della Grigi Alimentare Food Italiae, prima pasta al mondo certificata blockchain

Grazie all’accordo con Ibm il consumatore potrà sapere tutto del prodotto
(AVInews) – Perugia, 19 mar. – Consumatori sempre più esigenti e aziende sempre più attente a fornire informazioni precise e trasparenti circa le proprie produzioni. Anche la divisione agroalimentare del Gruppo Grigi Food Italiae, gruppo da 50 anni attivo nel settore agroalimentare, si è mossa in questa direzione e ha annunciato un accordo con Ibm che consentirà al consumatore di pasta biologica Aliveris di accedere, per ogni confezione di pasta, a informazioni su origine del grano bio, produttore del grano, luogo di conservazione e attività di trasporto.

La pasta sarà solo il primo di una serie di prodotti certificati che Food Italiae garantirà attraverso la tecnologia ‘blockchain’, avendo il Gruppo Grigi aderito al progetto ‘Ibm food trust’ che consiste in una rete globale di partecipanti ad un protocollo di dati condiviso relativi alla supply chain (letteralmente ‘catena di distribuzione’). Tale protocollo di dati una volta ‘scritto’ non può essere modificato: questo significa che l’azienda si impegna a garantire la massima trasparenza nel ‘raccontarsi’ e si traduce in una maggiore garanzia di sicurezza e qualità per il consumatore finale.

“Con questo accordo – ha affermato Daniele Grigi, ceo Grigi Alimentare Food Italiae – la pasta Aliveris è la prima pasta al mondo ad essere certificata blockchain, un sistema protetto per la sicurezza e la tracciabilità delle informazioni. Il consumatore, una volta davanti allo scaffale del supermercato, tramite Qr code potrà risalire a tutti i passaggi che ci sono stati per la realizzazione del prodotto”.

“La tecnologia blockchain applicata al settore alimentare – ha aggiunto Grigi – introduce molti vantaggi per il consumatore che potrà avere maggiori garanzie su qualità, provenienza, tempistiche e steps di produzione. Si riducono, così, anche gli sprechi e le possibili frodi. Ibm Food Trust offre la massima trasparenza e fiducia ai consumatori finali che, grazie a questo tipo di certificazione, sapranno veramente tutto del prodotto acquistato. Ma non solo, la blockchain applicata al settore del food è in grado di garantire la certezza del dato e l’immutabilità dei processi produttivi”.


ARTICOLI CORRELATI
ECONOMIA
Nuovo coordinatore per la struttura che riunisce gli ordini professionali tecnici umbri - “C’è necessità di confrontarci con la presidente della Regione...
29/05/2020 - perugia
ECONOMIA
Un connubio di esperienza, professionalità e infinito amore per la pizza di qualità - Dal primo giugno in distribuzione. Create da un pizzaiolo per i pizzaioli
25/05/2020 - Perugia
ECONOMIA
L’Ue mette in campo liquidità e prevede proroghe, anticipi e ammassi per alcuni settori - Quattrocento i partecipanti. Il rettore dell’Unipg rilancia l’idea...
23/05/2020 - Perugia
ULTIME NEWS
TUTTE LE NEWS
SOCIETÀ
 A partire dal destino dell’aeroporto San Francesco di...
03/06/2020 - Perugia
SOCIETÀ
Elisa ‘Lady trifola’ Ioni guida l’esercito delle donne...
01/06/2020 - Pietralunga
SOCIETÀ
Riaperti centinaia di negozi nei territori di Umbria,...
01/06/2020 - Perugia
ULTIMI VIDEO
TUTTI I VIDEO
ico video
Operativo a Sant’Arcangelo di Magione dal 1985, il Centro ittiogenico del Trasimeno, rappresenta ancora oggi una...
01/06/2020 - Magione
ico video
“Il tuo sorriso ribelle”. È questo l’eloquente titolo del libro dedicato a Silvana Benigno, la ‘mamma coraggio’...
01/06/2020 - città di castello