ECONOMIA
  by  Published: giovedì 17 gennaio 2019 14:34:31

Ccnl industria alimentare, la Uila Uil propone 250 euro di aumento

Il contratto scade il 31 dicembre 2019 e la proposta è valida per il quadriennio 2020-2023. Il segretario regionale Marcaccioli: necessario riequilibrare potere d’acquisto dei lavoratori

  • Daniele Marcaccioli
(AVInews) – Perugia, 17 gen. – Un aumento salariale di 250 euro è la proposta della Uila-Uil nell’ambito del confronto con le organizzazioni sindacali per l’elaborazione della piattaforma per il rinnovo del contratto degli alimentaristi in scadenza al 31 dicembre 2019. Aumento valido per il quadriennio 2020-2023.

La situazione dei lavoratori umbri. “Le crisi industriali in Umbria degli ultimi anni – spiega il segretario regionale della Uila-Uil Umbria Daniele Marcaccioli – hanno fatto segnare il passo al potere d’acquisto dei lavoratori. L’utilizzo degli ammortizzatori sociali ha purtroppo e troppo spesso sterilizzato quello che di buono era stato fatto a livello di contrattazione nazionale e di secondo livello. È quindi necessario, puntuale e opportuno, anche e soprattutto attraverso una contrattazione nazionale, proporre un aumento contrattuale di questa portata da cui dovrà passare un sostanziale riequilibrio del potere d’acquisto perso negli ultimi anni dai lavoratori della nostra regione”.

Comparto in crescita. “Questo comparto industriale – ricorda Marcaccioli –, che tiene insieme circa 400mila addetti in Italia, anche nel 2018 ha fatto registrare ottime performance di crescita sia del mercato interno che estero. Nonostante la frenata della produzione industriale italiana di novembre (-2,6%), il settore alimentare brilla in piena controtendenza con un +2,7% nello stesso periodo di riferimento. E questo è solo l’ultimo dato positivo di una crescita straordinaria alla quale lavoratrici e lavoratori hanno contribuito con impegno, passione e professionalità. Ed è proprio alla luce di questi risultati che abbiamo avanzato la nostra proposta, perché siamo convinti che la ricchezza prodotta deve essere in parte ripartita, anche attraverso la contrattazione nazionale a tutti i lavoratori”.


ARTICOLI CORRELATI
ECONOMIA
C’è l’accordo tra la società in-house del Mise e l’operatore di telecomunicazioni Connesi
06/07/2020 - Foligno
ECONOMIA
Il presidente Dino Ricci: “Rafforzamento importante dell’assetto patrimoniale della cooperativa” - Nel futuro investimenti su centri stoccaggio e servizi,...
06/07/2020 - Umbertide
ECONOMIA
Secondo le stime sono coinvolti circa 800 cittadini umbri di cui molti pensionati - L’associazione dei consumatori ha sedi a Perugia e Terni
02/07/2020 - Perugia
ULTIME NEWS
TUTTE LE NEWS
SPORT
A Montefalco il salto ostacoli ha registrato ben 275...
06/07/2020 - Montefalco
SOCIETÀ
Consegnata la bandiera del Tibet e la kata, la sciarpa...
06/07/2020 - Perugia
ECONOMIA
C’è l’accordo tra la società in-house del Mise e...
06/07/2020 - Foligno
ULTIMI VIDEO
TUTTI I VIDEO
ico video
La racing car driver Vicky Piria ha testato su strada, per la concessionaria Ad Motor di Perugia, la nuova Bmw Serie...
02/07/2020 - Perugia - Assisi
ico video
Assieme agli animali da affezione, sempre più spesso anche i cavalli vengono utilizzati per scopi terapeutici. È...
02/07/2020 - marsciano