ECONOMIA
  by Rossana Furfaro Published: sabato 25 maggio 2024 14:44:49

Costruire senza barriere architettoniche, i geometri di Perugia per l’accessibilità

Collaborazione con l’Istituto del marchio di qualità Zerobarriere per sensibilizzare sul problema - Il collegio professionale ha adottato per i suoi iscritti l’avanzata Antologia per l’accessibilità

  • Tonzani e Tosti
(AVInews) – Perugia, 25 mag. – Tutt’oggi in Italia, e quindi anche in Umbria, le persone con disabilità si trovano di fronte quotidianamente a ostacoli architettonici. E questo nonostante esistano già leggi per evitarne la costruzione e gli stessi costi e difficoltà tecniche per evitarne la realizzazione siano minimi. Constatata tale situazione, anche alla luce del primo G7 Inclusione e Disabilità che si terrà ad Assisi dal 14 al 16 ottobre e della scelta della provincia perugina per la sperimentazione della riforma Disabilità, decisioni entrambe volute dal ministro per le Disabilità, Alessandra Locatelli, i geometri della provincia di Perugia hanno deciso di portarsi avanti, non limitandosi a rispettare una normativa evidentemente troppo vecchia e non adeguata alle necessità, ma guardando invece ai modelli più avanzati in questo campo a livello internazionale, come quello della città stato di Singapore, preso ad esempio in tutto il mondo, cercando di applicarli anche nel territorio umbro, senza attendere le innovazioni del legislatore. E così, grazie alla società Cogeo, che si occupa della formazione professionale degli iscritti al Collegio dei geometri di Perugia, quest’ultimo ha ora adottato e messo a disposizione di tutti i tecnici e non solo un’approfondita Antologia dell’accessibilità, redatta dall’Istituto del marchio di qualità Zerobarriere, che raccoglie norme, indicazioni e suggerimenti utili per costruire città senza ostacoli architettonici.

“Ci siamo resi conto – ha spiegato il presidente del Collegio dei geometri di Perugia, Enzo Tonzani – di quanti innumerevoli ostacoli possa trova nei propri percorsi quotidiani una persona con una qualsiasi disabilità, ma anche una mamma che porta a spasso il bambino con la carrozzina. Ci sono certo già progetti per eliminare le barriere architettoniche, ma non sono ancora sufficienti e risolutori. Purtroppo queste sono criticità che difficilmente possono essere pienamente identificate e comprese da chi non vive il problema in prima persona. Come Collegio abbiamo quindi deciso di provare noi stessi a dare una mano, imparando, studiando, capendo il problema e impegnandoci, quindi, a progettare con tutte le accortezze del caso. È anche un modo per sensibilizzare i tecnici professionisti e, più in generale, i cittadini e la politica”.

A illustrare le potenzialità dello strumento messo nelle mani dei geometri, l’Antologia dell’accessibilità ideata dall’Istituto del marchio di qualità Zerobarriere, è stato quindi lo stesso presidente dell’istituto, Mario Tosti: “Non ho nessuna difficoltà ad affermare che questa antologia sia oggi una delle più complete a livello internazionale. Abbiamo preso in analisi tutti i più avanzati modelli, facendo una sintesi di tutte le migliori normative e tecniche di costruzione in tema di accessibilità. Porto un esempio: la legge italiana dice che l’altezza ottimale del bordo dello scivolo verso il marciapiede deve essere di 25 millimetri, ma una persona in carrozzina troppo debole o troppo pesante non riesce a superarlo: a Bruxelles invece realizzano i bordi degli scivoli con uno smusso di 30 gradi che è quanto basta per rendere migliore la vita di almeno un 10 per cento delle persone con disabilità”. “I progettisti per progettare bene – ha sottolineato Tosti – devono mettersi nei panni della persona con disabilità, ma siccome questo è molto complicato, la nostra antologia fa vedere loro quali sono i problemi e le soluzioni migliori”.

Il corso è già a disposizione di tutti i geometri accedendo al portale web della Cogeo formazione.cogeosrl.com. Ma l’obiettivo è diffonderlo e promuoverlo anche al di là dei professionisti. “Vorremo sensibilizzare i tecnici che operano nel territorio, ovviamente – ha commentato il presidente di Cogeo, Alviero Palombi –, ma anche un po’ tutta la popolazione, e in particolare il legislatore, così da riuscire ad arrivare a un progetto esaustivo per il superamento definitivo delle barriere architettoniche”.

Nicola Torrini


ARTICOLI CORRELATI
ECONOMIA
Rivolto a giovani che escono dalla terza media e fino a 18 anni prevede 3 anni più uno. A illustrare i dettagli del percorso il Cnos Fap Umbria dove è...
17/06/2024 - Perugia
ECONOMIA
1500 metri quadrati dove saranno stoccati 25mila quintali di cereali e oleaginose all’anno - Il presidente Matteo Baldelli: “Operazione dal forte valore...
14/06/2024 - Marsciano
ECONOMIA
Presentato a Perugia il rapporto del Centro studi Divulga in collaborazione con Philip Morris Italia - Fondamentale il modello di filiera nato dall’accordo...
07/06/2024 - Perugia
ULTIME NEWS
TUTTE LE NEWS
CULTURA
Il professore presenterà il suo libro ‘Al rogo’...
20/06/2024 - Passignano sul Trasimeno
SOCIETÀ
Il neopresidente Nazzareno Desideri è intervenuto...
20/06/2024 - perugia
EVENTI
Domenica 23 giugno dalle 14.30 alle 19 iniziativa per...
20/06/2024 - Perugia
ULTIMI VIDEO
TUTTI I VIDEO
ico video
Da un lato sostenere un evento di calibro internazionale che ha portato a Perugia grandi campioni dello sport,...
20/06/2024 - Perugia
ico video
In circa un anno di lavoro, il tavolo di confronto istituito tra Regione Umbria, tecnici liberi professionisti e...
20/06/2024 - Perugia