ECONOMIA
  by  Published: martedì 16 luglio 2019 16:48:49

Cresce la povertà in Umbria, Vinti: “Aumentare salari, stipendi e pensioni”

Secondo il rapporto Aur oltre 50mila famiglie umbre in difficoltà. Aumentano i giovani poveri - L’esponente di UmbriaLeft: “Dati emergenziali, è ora di voltare radicalmente pagina”

  • Stefano Vinti, cresce povertà in Umbria

(AVInews) – Perugia, 16 lug. – Nel 2018, in Umbria, il 14,3 per cento delle famiglie ha vissuto in condizioni di povertà relativa, dato in crescita rispetto al 12,6 per cento dell’anno precedente. In termini assoluti il fenomeno ha interessato oltre 50mila famiglie. Sono questi i dati che emergono dal sesto rapporto sulle povertà in Umbria realizzato dall’Agenzia Umbria ricerche (Aur) in collaborazione con l'Osservatorio sulle povertà della Regione Umbria. “Questi numeri – commenta l’esponente dell’associazione culturale UmbriaLeft Stefano Vinti – sono la conferma del declino economico e sociale della nostra regione".

Giovani sempre più poveri. Una povertà che slitta sempre più tra i giovani e i giovanissimi. Se 25 anni fa il reddito medio dei ragazzi superava del 10 per cento quello delle persone più adulte, oggi i giovani lavoratori umbri percepiscono il 20 per cento in meno dei più anziani, già penalizzati tra l’altro dall'alta percentuale di pensioni al minimo e da circa un 7 per cento in meno dei propri salari rispetto alla media nazionale”. “La precarizzazione selvaggia del lavoro – continua Vinti –, la gestione unilaterale del padronato del mercato del lavoro, la perdita della capacità contrattuale dei lavoratori hanno prodotto nel corso degli anni questa situazione”.

"Un quadro preoccupante". Sempre secondo il rapporto dell’Aur, in Umbria l’incidenza delle famiglie in povertà assoluta con il capofamiglia occupato tocca l’11 per cento, circa un terzo in più della media nazionale. “Dati emergenziali – afferma l’ex assessore regionale Vinti – che confermano la svalutazione che il lavoro ha subito in questi anni. In Umbria lavorare non garantisce una vita dignitosa. Il lavoro povero diventa la norma ed è il frutto delle scelte politiche delle classi sociali dominanti, che hanno deciso di accentuare il livello di sfruttamento dei lavoratori. Un quadro generale preoccupante che continua a peggiorare, perché le politiche liberiste e di austerità producono nuove povertà, alimentano la diseguaglianza e l’ingiustizia sociale”. “È ora di voltare radicalmente pagina – conclude Vinti –, iniziando dalla politica economica e industriale, rilanciando gli investimenti, aumentando i salari, gli stipendi e le pensioni dei lavoratori umbri”.



ARTICOLI CORRELATI
ECONOMIA
La Regione Umbria accetta la proposta dei Collegi provinciali di Perugia e Terni - Tonzani e Diomedi: importante esperienza formativa che favorisce...
22/08/2019 - perugia
ECONOMIA
L’istituto di credito cooperativo conferma da 55 anni il suo sostegno alla manifestazione - Il dg Marcello Morlandi “Obiettivi della banca: qualità della...
14/08/2019 - montefalco
ECONOMIA
Istituita commissione di commercianti e artigiani del centro storico per coinvolgere le imprese - Prossimamente un nuovo Consiglio che dovrà realizzare...
06/08/2019 - perugia
ULTIME NEWS
TUTTE LE NEWS
EVENTI
Venerdì 30 e sabato 31 agosto organizzato dal consorzio...
23/08/2019 - Perugia
SOCIETÀ
Il decreto Quota 100 permette il turnover tra...
23/08/2019 - Perugia
SPORT
Giornata con gli specialisti del centro medico Flexor...
23/08/2019 - perugia
ULTIMI VIDEO
TUTTI I VIDEO
ico video
In vista delle prossime elezioni regionali, i firmatari del manifesto programmatico ‘Da sinistra per l’Umbria del...
23/08/2019 - perugia
ico video
Al centro medico Flexor Lab di San Martino in Campo si sono tenute le consuete visite mediche d’inizio stagione....
23/08/2019 - perugia
ULTIME PHOTONEWS
TUTTE LE PHOTONEWS