SOCIETÀ
  by  Published: mercoledì 17 febbraio 2021 14:24:00

Morte di Alfredo Ettore Mignini, i suoi collaboratori della Bcc di Perugia: punto di riferimento per tutti noi

Imprenditore di lungo corso nel settore della mangimistica era alla guida del Gruppo Italiano Mangimi. “Era un signore, un uomo d’altri tempi con una parola e un gesto di conforto per chiunque”
  • Alfredo Ettore Mignini
(Avi News) – Perugia, 17 feb. – Esprimono il loro cordoglio per la morte di Alfredo Ettore Mignini Consiglio di amministrazione, collegio sindacale, direttore generale e dipendenti di quella che è stata la Banca di credito cooperativo di Perugia. Istituto di cui Mignini è stato fondatore e presidente dal momento della sua nascita, nel 2002, fino alla fusione con l’allora Bcc di Mantignana nel 2011.
“È stato un grande punto di riferimento per tutti noi – commentano i suoi collaboratori –, un personaggio illuminato, un imprenditore che guardava in prospettiva con intelligenza e al futuro con fiducia e capacità. Esprimiamo verso di lui enorme gratitudine, è stato un privilegio lavorare insieme”. “Era un signore, un uomo d’altri tempi – ricordano –, per coloro che lo andavano a trovare dimostrava sempre empatia, aveva la parola giusta, un gesto di conforto per tutti. Lo ricorderemo sempre con grande affetto”.
Imprenditore di lungo corso, Mignini, venuto a mancare nella notte tra il 16 e il 17 febbraio all’età di 86 anni, era attualmente presidente del Gruppo Italiano Mangimi di Rubiera (G.I.Ma), società tra le principali nel settore nella produzione di alimenti zootecnici a livello nazionale che ha le sue sedi operative e il cuore della produzione in Emilia Romagna e Molise.
Nato e vissuto a Perugia, dove si è laureato alla facoltà di Agraria, Mignini proviene da una famiglia che ha una lunga tradizione imprenditoriale nel settore mangimistico, suo padre Mario è stato infatti fondatore del Molino e Pastificio Ponte di Perugia. Con il padre, il fratello Marino e la sorella Luciana, nel 1965, iniziarono la costruzione del nuovo stabilimento di Petrignano d’Assisi dando vita alla Mignini mangimi di razza, successivamente Mignini Spa in cui Alfredo Mignini sarà amministratore delegato per 35 anni. Con i figli inizia una nuova iniziativa imprenditoriale acquisendo nel 2001 G.I.Ma.
In parallelo, nel 2000 con un gruppo di professionisti e imprenditori, decide di dare vita alla Banca di credito cooperativo di Perugia che è divenuta operativa nei primi mesi del 2002 e che Mignini ha guidato fino al 31 dicembre 2011, data in cui l’istituto si è fuso con la Bcc di Mantignana costituendo la Banca di Mantignana e di Perugia credito cooperativo umbro. “Con la sua energia e la sua verve imprenditoriale – ricordano Luciano Grigi e Angelo Barbanera che sono stati rispettivamente vicepresidente e direttore generale della Bcc di Perugia – portò la banca a radicarsi nel territorio e ad avere circa 1300 soci nel perugino partendo da zero”.

 

Carla Adamo

 



ARTICOLI CORRELATI
SOCIETÀ
La capogruppo di Italia Viva a palazzo dei Priori si rivolge alla presidente della Regione Umbria e al Comitato scientifico
01/03/2021 - Perugia
SOCIETÀ
I sindacati di categoria Spi Cgil, Fnp Cisl e Uilp Uil lanciano campagna di sensibilizzazione - “Invitiamo gli anziani a fare il vaccino anti covid perché...
26/02/2021 - Perugia
ULTIME NEWS
TUTTE LE NEWS
SPORT
Gare a porte chiuse e nel rispetto delle norme di...
02/03/2021 - Montefalco
ECONOMIA
Insieme per valorizzare i prodotti dell’agricoltura...
02/03/2021 - perugia
ULTIMI VIDEO
TUTTI I VIDEO
ico video
Alla presenza della presidente della Regione Umbria Donatella Tesei, della Giunta e dei direttori regionali, si è...
05/03/2021 - perugia
ico video
[FOCUS AZIENDE] Costi fissi, quindi zero sorprese, servizio all inclusive, quindi zero stress. Sempre più persone...
03/03/2021 - perugia