ECONOMIA
  by  Published: venerdì 25 settembre 2020 14:24:56

Sangemini e Amerino, lavoratori e sindacati: tempo scaduto, Regione e Governo devono riprendere in mano la partita

Sottoscritto ‘patto sociale di territorio’ con i sindaci
(AVInews) – San Gemini, 25 set. – “L’acqua è un bene pubblico, le concessioni per il suo utilizzo sono di proprietà della Regione, per questo è tempo che palazzo Donini, gli assessori Fioroni e Morani e la presidente Tesei escano dal silenzio e pretendano, insieme al Governo e a tutti i livelli istituzionali, risposte concrete, oppure un passo indietro da parte del gruppo Ami, proprietario dei marchi Sangemini e Amerino, dal cui futuro dipendono 90 famiglie del nostro territorio”. Sono arrivati davvero al limite i lavoratori di Sangemini e Amerino che stamattina, nel corso dell’ennesima manifestazione organizzata prima nella piazza del Comune e poi all’interno del Consiglio comunale di San Gemini, insieme a sindacati e a numerosi rappresentanti istituzionali (locali e nazionali), hanno lanciato il loro ultimatum. “Il tempo dei nostri sacrifici, dopo 4 anni di promesse non mantenute e di cassa integrazione, addirittura nel periodo estivo, quando l’acqua dovrebbe vendersi di più e non di meno, è finito – hanno affermato i rappresentanti della Rsu –. Ora la palla deve passare alla politica e a chi riveste incarichi istituzionali, perché è intollerabile che una proprietà assente e indisponibile al confronto, possa tenere in pugno le sorti di una realtà industriale che da 120 anni è vanto di questo territorio, per di più lucrando su un bene pubblico, come l’acqua”.

È dunque in primo luogo alla Regione Umbria, unica istituzione assente stamattina a San Gemini, che si rivolgono Rsu e sindacati: “Tutti i livelli istituzionali devono fare la propria parte - hanno spiegato Flai, Fai e Uila - per questo abbiamo sottoscritto stamattina un documento da inviare al Mise, che è già stato condiviso dai sindaci del territorio, per chiedere che nella stesura del piano concordatario ci sia il totale rispetto dell’accordo del 2018, siglato proprio dalla Regione con il gruppo della famiglia Pessina. Questo - hanno aggiunto i sindacati - vuol dire totale salvaguardia occupazionale, potenziamento del settore commerciale dei marchi Sangemini, Fabia, Grazia, Amerino e Aura, salvaguardia del bacino idrogeologico e rispetto degli investimenti previsti per il completamento e l’ammodernamento degli impianti".

“In mancanza di una chiara svolta la mobilitazione che abbiamo ripreso, con il presidio di ieri in prefettura a Terni e con la manifestazione di oggi qui a San Gemini è destinata a proseguire e a diventare sempre più forte - hanno avvertito Rsu e sindacati - perché non intendiamo più stare a guardare una proprietà che nella totale chiusura prosegue nella sua strada di indebolimento delle nostre aziende. Se i Pessina non sono in grado o non vogliono rilanciare Sangemini e Amerino, allora si facciano da parte”.


ARTICOLI CORRELATI
ECONOMIA
Il negozio della catena di arredamento belga acquisisce un stile industrial-chic. La riapertura, dopo l’intervento di restyling, sarà sabato 24 ottobre  
21/10/2020 - corciano
ECONOMIA
Richieste e preoccupazioni condivise dalla Rete delle professioni tecniche dell’Umbria. Il presidente Tonzani: “capiamo la situazione ma così non siamo...
21/10/2020 - perugia
ECONOMIA
Eventi organizzati da Lexus Perugia Toy Motor per far vivere le peculiarità del brand - “Una filosofia aziendale basata sul rispetto dell’ambiente e...
15/10/2020 - Perugia
ULTIME NEWS
TUTTE LE NEWS
SOCIETÀ
Il webinar è un  momento di confronto tra magistratura e...
21/10/2020 - Perugia
ECONOMIA
Il negozio della catena di arredamento belga acquisisce...
21/10/2020 - corciano
ECONOMIA
Richieste e preoccupazioni condivise dalla Rete delle...
21/10/2020 - perugia
ULTIMI VIDEO
TUTTI I VIDEO
ico video
A Città di Castello c’è un nuovo “presidio di democrazia”. Così è stata, infatti, definita la nuova sede tifernate...
20/10/2020 - città di castello
ico video
[FOCUS AZIENDE] Igiene, pulizia, disinfezione, sanificazione. Sono tutti termini che abbiamo imparato a utilizzare...
16/10/2020 - Perugia