ECONOMIA
  by  Published: martedì 3 novembre 2020 16:53:44

Sangemini e Amerino, sciopero e vie legali a tutela dell’occupazione

Dopo un confronto “privo di contenuti” i lavoratori decidono per la mobilitazione - Fai, Flai, Uila ed Rsu: la direzione ci ha prospettato ristrutturazioni e riorganizzazioni
(AVInews) – Sangemini, 3 nov. – Martedì 3 novembre si è tenuta l’assemblea dei lavoratori del sito di Sangemini e Amerino a seguito della call tra direzione aziendale del gruppo Ami, segreterie di Fai Cisl, Flai Cgil e Uila Uil delle regioni coinvolte e Rsu di Sangemini.

Al confronto un “nulla di fatto”. “La call – fanno sapere i rappresentanti dei lavoratori – si è aperta con l’ennesimo nulla di fatto da parte aziendale, l’incontro di ieri è risultato totalmente privo di contenuti dal momento che non ci è stato presentato alcun piano. Nonostante ciò, non sono mancate provocazioni da parte della direzione che ha comunicato ennesime prospettive di ristrutturazione dei costi e riorganizzazione del lavoro per quanto concerne i siti umbri e di Melfi. Come si può parlare di ristrutturazione se non si ha contezza del possibile partner investitore e del piano di concordato?”.

Le prossime azioni. I lavoratori, insieme alle organizzazioni sindacali umbre, hanno perciò deciso di intraprendere un percorso a tutela dell’occupazione. “Innanzitutto – spiegano –, con il sostegno dell’apparato legale a disposizione delle sigle sindacali, si intende verificare l’opportunità di un’azione di responsabilità nei confronti dell’azienda. Vogliamo, inoltre, l’immediata riconvocazione della Regione Umbria, segnatamente nella persona dell’assessore preposto Fioroni e della presidente Tesei, nonché dei sindaci dei comuni interessati, al fine di coinvolgere anche il Mise. Lo stabilimento, poi, aderisce completamente allo sciopero proclamato a livello nazionale dalle organizzazioni sindacali e calendarizzato per il 12 novembre, eventualmente accompagnato da mobilitazione nel rispetto delle normative Covid-19. Chiediamo, infine, un’assemblea con i nazionali”.

“Chiediamo solo di lavorare“Le ulteriori iniziative che saranno messe in campo – rendono noto le segreterie regionali umbre di Fai, Flai e Uila e la Rsu – saranno effettuate nei giorni di cassa, i lavoratori non hanno intenzione di perdere ulteriori guadagni né di cadere in provocazioni, ciò che chiedono è il lavoro e lavorare nel totale rispetto dell’accordo del 2018”.


ARTICOLI CORRELATI
ECONOMIA
Si sono incontrati in videoconferenza i sette partner di Subtract Interreg Europe - L’Autorità umbra per rifiuti e idrico è capofila dell’ambizioso progetto...
02/12/2020 - Perugia
ECONOMIA
I primi scioperano per difendere i posti di lavoro mentre per il polo chimico è in chiusura - Abbraccio virtuale tra due vertenze cruciali per il futuro del...
24/11/2020 - Perugia
ECONOMIA
Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti e Faisa-Cisal dell’Umbria denunciano assenza di politiche - “Ritardi nella gara per la nuova Agenzia regionale dei...
23/11/2020 - perugia
ULTIME NEWS
TUTTE LE NEWS
ECONOMIA
Si sono incontrati in videoconferenza i sette partner di...
02/12/2020 - Perugia
SOCIETÀ
Primo webinar giovedì 3 dicembre alle 14.30 su tutele...
01/12/2020 - Perugia
SPORT
Recupero dell’ottava giornata di campionato di volley...
30/11/2020 - Perugia
ULTIMI VIDEO
TUTTI I VIDEO
ico video
Il sole... L'acqua... I campi ...Il lavoro ... La terra restituisce quello che noi diamo per questo ci dedichiamo...
02/12/2020 - Perugia
ico video
Ti sei lasciato sfuggire le occasioni del black friday? Niente paura, alle Gioiellerie Bartoccini centro diamanti...
02/12/2020 - Perugia