ECONOMIA
  by Rossana Furfaro Published: venerdì 10 dicembre 2021 12:28:52

Servizi ambientali, accordo su Ccnl: sciopero revocato anche in Umbria

Fp Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti e Fiadel: il rinnovo contrattuale sarà regolato in tre distinte fasi

(AVInews) – Perugia, 10 dic. – Anche in Umbria è stato revocato lo sciopero del settore dei servizi ambientali previsto per lunedì 13 dicembre. Sindacati e associazioni datoriali hanno, infatti, sottoscritto un accordo che regola il rinnovo contrattuale. A darne notizia sono le segreterie regionali umbre di Fp Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti e Fiadel.

Cosa prevede l’accordo. “Il verbale di accordo sottoscritto giovedì 9 dicembre con le associazioni datoriali Utilitalia, Fise-AssoAmbiente, Cisambiente e le centrali cooperative – fanno sapere i sindacati – regola il rinnovo contrattuale in tre distinte fasi. Nella prima fase, conclusa il 9 dicembre, si chiude il periodo contrattuale luglio 2019-dicembre 2021 che sancisce un recupero salariale di 500 euro una tantum parametrati sul livello 4B, da corrispondersi nei mesi di gennaio e aprile 2022. Inoltre, vengono regolati alcuni aspetti normativi importanti, come ad esempio tutte le norme su salute, sicurezza sul lavoro e formazione. Nella seconda fase, da concludersi entro il 15 febbraio 2022, si dovranno regolamentare altri aspetti normativi e lo sviluppo del minimo contrattuale in incremento sui minimi tabellari per il periodo 2022- 2024. Nella terza fase, da concludersi entro ottobre 2022, si dovrà armonizzare la classificazione del personale, anche relativa ai lavoratori degli impianti, e la nuova disciplina sul passaggio di gestione”.

“Apprezziamo il lavoro svolto in sede nazionale – affermano ancora le segreterie regionali di Fp Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti e Fiadel – per questo importante accordo di prima fase. Ciò è servito a sbloccare una vertenza ferma da troppo tempo, in un ambito che necessita di nuove regole, strategiche per la crescita delle aziende del settore. È importante soprattutto per le tutele delle lavoratrici e dei lavoratori sempre più esposti a una massacrante raccolta porta a porta spinta, degli addetti degli impianti di trattamento di rifiuti, per cui servono garanzie maggiori sul piano della salvaguardia della salute e della sicurezza, nonché per la salvaguardia del potere di acquisto dei salari”.


ARTICOLI CORRELATI
ECONOMIA
L’operatore di telecomunicazioni entro l’inizio dell'anno scolastico 2022-2023 completerà il cablaggio di numerosi istituti di Umbria, Marche ed Emilia Romagna
18/05/2022 - foligno
ECONOMIA
Il segretario Iucci: si va verso la conferma delle attuali aliquote della cedolare secca
16/05/2022 - Perugia
ECONOMIA
Iniziative in collaborazione con i professionisti del Collegio dei geometri di Perugia - Crescono gli iscritti al corso Costruzioni Ambiente Territorio:...
13/05/2022 - foligno
ULTIME NEWS
TUTTE LE NEWS
SOCIETÀ
La tre giorni si è aperta con i saluti delle autorità e...
20/05/2022 - perugia
EVENTI
Opere di urban art del perugino Awzo178 realizzate con...
20/05/2022 - Città di Castello
SOCIETÀ
Organizzata una conferenza nell’ambito di un progetto...
19/05/2022 - Marsciano
ULTIMI VIDEO
TUTTI I VIDEO
ico video
Tra le iniziative organizzate per celebrare i primi sette anni di vita del centro medico perugino di fisioterapia e...
21/05/2022 - Perugia
ico video
Così come in tutta Italia, anche nella provincia di Perugia l'Ordine dei dottori commercialisti ed esperti contabili...
19/05/2022 - Perugia