POLITICA
  by  Published: venerdì 19 luglio 2019 11:47:31

Stefano Vinti: “Necessario ripensare l’impiantistica sportiva in Umbria”

“Impianti polifunzionali, integrati alla città, che rispondano alla nuova domanda di sport”

(AVInews) – Perugia, 19 lug. – “Il recente finanziamento di 400mila euro per gli impianti sportivi dei piccoli comuni da parte della Giunta regionale dell’Umbria, a parte l’evidente insufficienza a soddisfare le richieste avanzate dalle amministrazioni, offre la possibilità per aprire un pubblico confronto sullo stato dell’impiantistica sportiva umbra e sulle scelte future da compiere”. Con queste parole l’esponente dell’associazione culturale UmbriaLeft Stefano Vinti ha commentato lo stanziamento dei fondi per le manutenzioni e riqualificazioni dell'impiantistica sportiva dei piccoli centri previsto dalla Regione Umbria nel bilancio di previsione 2018-2020.

Nuova politica sportiva, servono scelte chiare. “La pratica sportiva – continua Vinti – di base è parte fondante del benessere dei cittadini. Attraverso lo sport, infatti, si salvaguarda la salute, si migliora la qualità delle relazioni tra le persone, si crea lavoro, si può modificare il volto delle città. La riqualificazione e l’adeguamento degli impianti sportivi sono necessari alla nuova domanda di sport che nasce dal basso della società e possono essere aspetti significativi e innovativi delle politiche sociali”. Secondo l’ex assessore regionale, per una nuova politica dell’impiantistica sportiva in Umbria è necessario che a livello nazionale e regionale siano fatte delle “scelte chiare, come ad esempio agevolare l’accesso al credito ai soggetti impegnati a migliorare l’impiantistica e che intendono allargare la possibilità di praticare l’attività motoria ai cittadini di ogni età, richiedendo anche un impegno alle banche per la semplificazione delle pratiche e delle fideiussioni, specialmente sul versante delle garanzie”. “La seconda scelta da fare – prosegue Vinti – è favorire gli investimenti da parte dei Comuni che, è bene ricordare, detengono il 95 per cento della dotazione di impianti sportivi pubblici, attraverso lo stralcio dai vincoli del patto di stabilità. Le risorse per un grande piano nazionale di ristrutturazione, adeguamento e ammodernamento degli impianti sportivi dovrebbero essere prelevate, oltre che dalla fiscalità generale, soprattutto dai fondi strutturali europei. Per raggiungere questo obiettivo occorre avviare una battaglia a livello europeo che parta innanzitutto dal Coni e dagli enti di promozione sportiva, affinché i fondi vengano impiegati anche per lo sport”.

Una legge quadro sullo sport. Sempre secondo l’esponente di UmbriaLeft, lo sport in Italia necessita di una grande e profonda riforma, ad iniziare da una legge quadro, “l’Italia – sottolinea Vinti – è l’unico tra i grandi Paesi a non esserne dotata”, che sancisca cos’è lo sport e il suo valore sociale, “nonché la scelta di sostenere le Regioni nel loro compito costituzionale d’indirizzo e programmazione, con un adeguato trasferimento delle risorse economiche (a tutte le regioni, non solo a quelle del nord), rivolto prevalentemente a garantire il diritto all’attività motoria e a permettere di praticare lo sport di base a tutti i cittadini, di tutte le età e soprattutto a coloro che hanno redditi familiari da lavoro dipendente e bassi”.

Politica sportiva in Umbria. Secondo Vinti, la pratica sportiva fino a qualche tempo fa era data dalla somma delle discipline sportive olimpiche, oggi la realtà sportiva è cambiata radicalmente: l’attività motoria è praticata spontaneamente da milioni di persone in Italia e da decine di migliaia in Umbria, che non sono ascrivibili alle società professionistiche, a quelle dilettantistiche, alle federazioni sportive del Coni, agli enti di promozione sportiva. “Per questo – conclude Vinti – occorre ripensare l’idea stessa di impianto sportivo, che necessariamente deve poter esistere come un ambiente aperto, polifunzionale, non un corpo separato e recintato, ma parte integrata delle infrastrutture delle città ed essenziale allo sviluppo urbano, posto al servizio di tutti i cittadini. L’Umbria deve dotarsi di una politica sportiva che abbia come priorità due obiettivi strategici: la salute dei cittadini attraverso corretti stili di vita, che implica necessariamente l'organizzazione e la programmazione di una diffusa attività motoria in tutta la regione, e il benessere dei cittadini attraverso il movimento e la partecipazione nelle società dilettantistiche e amatoriali territoriali. Partire da qui, per aprire un dibattito largo e partecipato sui territori e a livello regionale”.



ARTICOLI CORRELATI
POLITICA
L’ex assessore regionale analizza la politica umbra e propone alleanze per le amministrative
21/08/2019 - Perugia
POLITICA
Condizioni sine qua non: rigetto di candidature già avanzate e liste elettorali rinnovate - Al Park hotel di Ponte San Giovanni invitati Pd, M5S, Psi, Prc,...
20/08/2019 - perugia
POLITICA
Stefano Vinti: “Un momento di democrazia per tutelare il futuro dell’Italia” - Venerdì 26 in piazza della Repubblica il Firma day promosso dal Comitato Rodotà
25/07/2019 - Perugia
ULTIME NEWS
TUTTE LE NEWS
EVENTI
Venerdì 30 e sabato 31 agosto organizzato dal consorzio...
23/08/2019 - Perugia
SOCIETÀ
Il decreto Quota 100 permette il turnover tra...
23/08/2019 - Perugia
SPORT
Giornata con gli specialisti del centro medico Flexor...
23/08/2019 - perugia
ULTIMI VIDEO
TUTTI I VIDEO
ico video
In vista delle prossime elezioni regionali, i firmatari del manifesto programmatico ‘Da sinistra per l’Umbria del...
23/08/2019 - perugia
ico video
Al centro medico Flexor Lab di San Martino in Campo si sono tenute le consuete visite mediche d’inizio stagione....
23/08/2019 - perugia
ULTIME PHOTONEWS
TUTTE LE PHOTONEWS